Contattaci

Nonsolokiver
Novità, trend di mercato
e curiosità

News

The state of Social Media: dati e pronostici

31 maggio 2012 14:23
state_social_media

I social media godono di ottima salute. Ad annunciarlo è The Seo Company, che nell’infografica “The State of Social Media“, riassume i più significativi accadimenti relativi ai social network più cliccati, da gennaio a maggio del 2012. A cominciare da quanto “predetto dai Maya”, alcuni l’hanno definita la migliore operazione di marketing del secolo, si preannuncia un anno ricco di epocali rivoluzioni. Anche in campo social: dalla rapida ascesa di Pinterest, che si è già guadagnato il titolo di startup del 2011, all’acquisizione di Instagram da parte del “bolimico” Facebook, che all’inizio dell’anno ha cambiato formato e layout, ma non il suo appeal e poi si è quotato ufficialmente in borsa.

state_of_social_media_2012

Clicca qua per vedere l'infografica

Per arrivare a parlare del flop di Google Plus: gli utenti trascorrono in media poco più di 3 minuti al mese su Google + contro alle 7 ore e mezza di Facebook, come riporta Todd Wasserman di Mashable. In più, durante la campagna elettorale di Barack Obama, il social media si è rivelato un facile canale di accesso per gli utenti della Repubblica Popolare Cinese che, in un momento di malfunzionamento del sistema di censura nazionale, hanno invaso l’account del presidente degli Stati Uniti.

Tra gli altri fatti social da segnalare c’è sicuramente il fenomeno virale Kony 2012 (più di 90 milioni di visualizzazioni), il documentario opera di Invisible Children Inc sui crimini del ribelle ugandese che ha letteralmente fatto esplodere YouTube.

E infine qualche previsione: a cominciare dalla fruizione dei social media che, come è ovvio aspettarsi, sarà sempre più mobile. Le app per device mobili non sono una moda passeggera, ma rappresentano l’essenza e lo strumento per un cambiamento sempre più radicale nello stile di vita e nel mondo del buisness.

Se il messaggio è inequivocabile: “social media avanti tutta!“, non c’è da stupirsi che esperti creativi abbiano già trasformato la catastrofica predizione Maya della fine del mondo, nella piattaforma social del 2012: per condividere ogni ultima festa, foto, post della storia con tutta la community…