Contattaci

Nonsolokiver
Novità, trend di mercato
e curiosità

News

Postare, pinnare e comprare, su The Fancy si può!

18 ottobre 2012 14:15
the_fancy_social_media

Come fanno i social network a convertite l’enorme mole di traffico in Social Media ROI? The Fancy risponde al quesito più attuale e controverso dell’epoca 2.0 con una piattaforma innovativa di social-commerce che, secondo i dati aggiornati di comScore, sta cambiando il modo di fare i soldi coi social media.

Sappiamo tutti quale incredibile potere abbiano i social network di raccogliere un assortimento infinito di informazioni sugli utenti, con l’apparente pregio di non disturbarli. L’interazione, il coinvolgimento e comandi come Mi piace questo! Guardate questo! Andiamo qua!, si traducono in dati preziosissimi capaci di veicolare gli introiti pubblicitari che sempre più migrano dai canali tradizionali ai nuovi media. financial_times_socialSecondo le stime di Emarketer e comScore pubblicate dal Financial Times, con le inserzioni commerciali nel 2014 Facebook raggiungerà un fatturato di 6,8 miliardi di dollari (contro i 3,2 del 2011), Twitter arriverà a 808 milioni di dollari (140) e Linkedin taglierà il traguardo di 513 milioni (156).

Nonostante i risultati più che positivi, però,  i social media del momento stanno già sperimentando altri strumenti per garantirsi la sostenibilità economica nel futuro.

Se infatti i nuovi visual social network come Pinterest non hanno niente da invidiare in fatto di appeal commerciale alle piattaforme di sconti geolocalizzati come quella di Groupon, ciò che manca è un sistema scalabile che guidi immediatamente l’utente all’acquisto. Ed è qui che s’inserisce The Fancy, il social network creato nel 2010 da Joe Einhorn e definito un ibrido tra un sito e-commerce e un social media, innovativo proprio per aver introdotto un modello click-to-purchase che lo distingue dalle piattaforme esistenti.

Ciò che viene a mancare nel processo di acquisto online su The Fancy è la fase I Wish, che di solito si trova esattamente nel mezzo tra I Like e I Want. L’idea e il punto di forza del modello è quella di replicare sulla rete il gesto d’acquisto compulsivo che di solito si compie davanti alle vetrine delle boutique reali. Gli utenti di The Fancy possono infatti acquistare e pagare immediatamente un prodotto a cui hanno dato un Fancy, l’equivalente di un like di Facebook che però conduce direttamente all’acquisto.

fancy-social_commerceSeppur i dati di crescita di The Fancy non sono neanche lontanamente paragonabili a quelli di Pinterest registrati nell’arco dello stesso anno e riportati da comSore Media Metrix (mentre il primo è cresciuto del 252%, il secondo tocca record di 3000%), questo social network si distingue dimostrando un appeal più internazionale: mentre The Fancy ha un bacino di utenti rappresentato solo per il 44% da americani, Pinterest è per il 77% U.S.

Ma mentre entrambe le piattaforme hanno un pubblico prevalentemente femminile, giovane e ricco, che interessa fasce di età più o meno simili (da 18 a 24 anni Fancy e da 25 e 34 anni Pinterest) e con reddito familiare da 100 mila dollari in su, la differenza sostanziale e che solo su una di queste due piattaforme si può finalizzare l’acquisto di un orologio da 12 mila dollari in 30 secondi o anche meno