Contattaci

Nonsolokiver
Novità, trend di mercato
e curiosità

News

L’advertising ai tempi del web 2.0

21 febbraio 2013 11:41
media_advertising

L’evoluzione dei media ha radicalmente stravolto i processi di pianificazione degli investimenti pubblicitari. Se un tempo la gestione era affidata per intero a centri media esterni, oggi sempre più aziende decidono di pianificare e acquistare i mezzi pubblicitari internamente. Merito del web 2.0?

Oggi in Italia il 27% degli investimenti pianificati dagli inserzionisti pubblicitari viene gestito internamente, senza passare dai centri media. La ricerca condotta da TBS Italy, evidenzia come sempre più spesso e in particolare per determinati media, le aziende preferiscano pianificare internamente la spesa in advertising. pianificazione_advIn prima linea tra i mezzi prediletti per la gestione interna, ci sono la stampa e il web, mentre se è di settori che si parla, è nell’abbigliamento e accessori (20%), nell’alimentare (7%) e nell’arredamento (5%) che si evidenzia il maggior numero di aziende che non hanno un centro media.

Se i vantaggi di una gestione interna sono prima di tutto di natura economica, è vero che questo processo è stato innescato dalla vocazione social di molti brand, che hanno saputo sfruttare i social network per interagire coi propri clienti, trasmettere il valore del marchio, oltreché diffondere messaggi e stili di vita in cui i propri utenti si potessero identificare.

La potenzialità dei canali 2.0 è ormai di dominio pubblico e sono sempre di più le aziende che investono in social media marketing: in Italia il 77% delle imprese sperimenta l’utilizzo dei social media e il 43% prevede di aumentare l’impiego dei social network in futuro. A dirlo è l’indagine “Quanto è Social la tua Azienda” condotta a gennaio 2013 su un campione di 338 aziende italiane da Anved, con l’obiettivo di verificare le potenzialità dei canali di comunicazione 2.0 come strumento per raggiungere i target di marketing e di vendite.

Obiettivo raggiunto con successo da Smemoranda, che per celebrare i 35 anni dalla pubblicazione della mitica numero 1, ha scelto una campagna digitale multicanale,FRIENDS 2013, che ha generato mezzo milioni di azioni sulla pagina Facebook. Anche GAS ha optato per una strategia digital che riqualificasse e potenziasse la presenza del brand di moda nel web e ha incaricato Kiver di creare un’applicazione Facebook ad hoc dove i suoi utenti potessero vedere in anteprima le foto della campagna a/i del marchio. Il risultato? Fan raddoppiati, frequenza e continuità dei clic sugli annunci. E l’interazione coi fan s’intensifica quando gli utenti vengono coinvolti direttamente in una competizione creativa. Come nel caso del progetto “Red Bull Inspire Fibra“, in cui sono i fan del rapper, con le proprie idee, ad ispirare con testi, foto e video, il nuovo videoclip di FABRI FIBRA.

La domanda che dovete farvi è: quanto è social la vostra azienda?