Contattaci

Nonsolokiver
Novità, trend di mercato
e curiosità

News

I Social Media come strumento di R&S

28 dicembre 2011 12:00
news_generica_inbound_2

Tutte le tipologie di azienda, da quelle industriali a quelle di servizi, hanno bisogno di investire in Ricerca&Sviluppo per poter essere sempre competitive sul mercato. Sfortunatamente però i budget allocabili sono spesso insufficienti, soprattutto nelle realtà più piccole.

Come indicato da Social Media Examiner, possono essere di supporto in questo senso i Social Media che, se opportunamente utilizzati, forniscono le indicazioni principali per indirizzare correttamente gli sforzi dell’azienda.

Per pianificare correttamente l’attività di R&S sui Social Media bisogna seguire queste tre linee guida.

Stabilire la roadmap
In termini di R&S gli obiettivi possono essere diversi: migliorare un prodotto o un servizio già esistente, crearne uno nuovo, scoprire un nuovo bisogno di soddisfare, ecc. Aver ben chiaro cosa si vuole ottenere, permette di impostare correttamente le attività in modo da ottenere risultati più precisi e più rapidi; permette di aggiustare il tiro o di cambiare strategia in caso non si stiano ottenendo i risultati sperati.
Dall’obiettivo dipende anche la scelta del Social Media da usare:

  • YouTube può essere il canale ideale nel caso in cui si voglia mostrare agli utenti qualcosa, ad esempio un prototipo.
  • Twitter è il canale ideale per raccogliere feedback rapidi e concisi (mi piace/non mi piace; meglio bianco/meglio nero…) da un ampio numero di utenti.
  • Facebook, grazie alle sue app, può addirittura permettere di CO-creare un prodotto insieme agli utenti.

Porre le domande giuste e raccogliere i dati
La domanda giusta è quella che suscita una reazione, una risposta. Il modo in cui porre la domanda dipende dall’obiettivo della ricerca, dal canale che si sta usando (formale vs informale) dal tipo di audience (consumer vs business). Non è sempre necessario creare una conversazione: in alcuni casi è possibile trovare conversazioni in corso che forniscono già tutte le risposte che servono.
In ogni caso, è fondamentale organizzare e registrare tutte le risposte ricevute per poi poterle analizzare. Dall’analisi emergeranno gli spunti per l’ideazione dei futuri prodotti o servizi.

Realizzare ciò che i dati suggeriscono
Nel momento in cui l’azienda ha comunicato alla propria audience di voler produrre qualcosa di nuovo e, per questo, l’ha coinvolta nel processo creativo, deve dar seguito alla ricerca, ricompensando così il tempo che gli utenti le hanno dedicato.

Per concludere, i Social Media possono essere un’alternativa poco costosa alla classica attività di R&S ma non è possibile ottenere risultati adeguati senza un notevole sforzo in termini di tempo ed energia.