Contattaci

Nonsolokiver
Novità, trend di mercato
e curiosità

News

Brands&SocialMedia: i risultati della ricerca, seconda parte

26 giugno 2012 13:52
Osservatorio-Brands-e-SocialMedia (2)

Abbiamo già parlato dei risultati principali della ricerca su Brands & Social Media.

Proseguiamo, illustando in sintesi il modo in cui vengono utilizzati i principali Social Media dal campione di 100 aziende di 5 settori merceologici (Consumer Electronics, Automobili, Banche/Assicurazioni, Retail, Servizi energetici e Telecomunicazioni) ma dando anche qualche esempio ‘concreto’ di quanto abbiamo seguito più direttamente.

Facebook (attivo dal 2004; 901mln di utenti; 22mln in Italia)

Tra i 5 settori analizzati troviamo agli antipodi le aziende di Telecomunicazioni che utilizzano i social network in tutte le loro potenzialità e le aziende di Servizi Energetici che  iniziano invece ad avvicinarsi di recente alla piattaforma.

Per quanto riguarda le pagine Facebook, l’attività di Kiver spicca soprattutto in riferimento alle pagine Vodafone Square e Reebok.

YouTube (attivo dal 2005; 800mln di visitatoti unici giornalieri)

YouTube viene utilizzato dal 74% delle aziende sia come archivio dei video relativi alla comunicazione istituzionale o di prodotto, sia dei video legati ad iniziative realizzate ad hoc per il web.

Per quanto riguarda l’attività su YouTube, Kiver ha curato il restyle del canale di Videa che in meno di due mesi ha triplicato le views sul canale nonchè ha lanciato il canale YouTube di Alessia Marcuzzi, che in meno di due mesi ha registrato più di 1300 iscritti e più di 280.000 views.

Twitter (attivo dal 2006; 383mln di profili; 4,1 in Italia)

Generalmente Twitter viene utilizzato per condividere contenuti pubblicati su altre piattaforme, alternati a contenuti ad hoc. In questo modo si consente da una parte un dialogo serrato con gli utenti attraverso mentions e dall’altra la ripubblicazione e diffusione di contenuti attraverso retweets.

Grazie al CMT Boomer, Kiver gestisce più di 80 properties Sony Music tra cui il profilo Twitter della major discografica e dei suoi artisti di punta come Alessandra Amoroso.

Blog (attivo dal 1997 in USA; dal 2000/2001 in Italia)

Il 17% delle aziende che utilizzano queste piattaforme le gestiscono come un magazine aziendale in cui è però possibile commentare. Sono spazi tematici in cui non si comunicano solo prodotti e novità ma anche la filosofia aziendale.

Da pochi giorni Kiver ha lanciato il Blog di Alessia Marcuzzi che in una settimana ha già totalizzato più di 100.000 visite.

Sempre in ambito Blog, Kiver è partner di riferimento di The Blonde Salad, il fashion blog italiano più famoso al mondo.

Potremmo riassumere i risultati della ricerca in queste le conclusioni:Brands-e-SocialMedia-i-risultati-della-ricerca,-seconda-parte

  • I social media non sono un canale ma un territorio, da conoscere e da presidiare.
  • Le aziende non devono considerare solo il numero di Fan, follone o views. Bisogna puntare a far crescere le interazioni degli utenti.
  • Non è utile essere presenti su tutti i social media se non è possibile presidiarli in modo costante e  mirato (lo stesso contenuto non ha la stessa efficacia nei diversi spazi).
  • I Brand più performanti non parlano solo dei loro prodotti.
  • Bisogna cercare la coerenza tra i siti e i social media così come tra l’online e l’offline.

Insomma i social media sono un importante canale di comunicazione, per sfruttarlo al meglio è bene che sia conosciuto e studiato. Una buona alternativa alla fatica dello studio? Appoggiarsi a qualcuno che fatichi per voi.